Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2013

A- ahhh… avete fatto come le lumache dopo la pioggia, eh?
Banda di lavativi…

Per fortuna ci sono -in rigoroso ordine alfabetico- il Camagna e Marco che, secondo me, si sentivano al telefono e si mettevano d’accordo e che, per qualche giorno, mi hanno ricordato le due badanti che, su due turni, accudiscono un vecchietto benestante:
«Tu qvesta matina lavato culo di Dotore?» dice la moldava che fa la notte, parlando alla dominicana del giorno.
«Oh sì, seguro, esta matina e anche il pomerighio. Por la noche stai a posto, tranchija. Magari nesesìta un poco de Prep su le chiappe, por l’iritasione…»

E così un commentino oggi il primo, una belinata domani il secondo, dandosi il cambio mi hanno tenuto compagnia mentre tutti quanti vi facevate gli stratacazzi vostri.
Ma al primo richiamo qualcuno si è mosso: e volevo pure vedere…
Il buon Tuttoqua mi ha persino gratificato di un sms, roba diretta e personale, quasi il succedaneo del classico telegramma:

In questo triste momento
stop
sono vicino a te
stop
e tutta tua famiglia…

Grazie, Paulìn, non ti ho risposto solo perchè odio scrivere gli sms: non ne mando mai, quindi devo proprio cercare dove sono le lettere e ci metto cinque minuti per scrivere “ciao” col T9…

Comunque grazie, ma siete iper-apprensivi nei miei confronti: ho dato l’impressione di uno che stesse per tirarsi il collo?
O mi avete scambiato per il nonno che si lamenta coi nipoti perchè non vanno a trovarlo abbastanza spesso?

Io veramente ho scritto che del calo di contatti non me ne frega una mazza, mentre per quanto riguarda il calo dei commenti, mi sono così espresso:

Tu, merdone che leggi a baffella e te ne vai, non pensi, cornuto, che anche a me, oltre che scrivere, piacerebbe pure leggere qualcosa? EH?!…

Sempre restando nel campo del nonno, mi sembra più l’atteggiamento:
«Sì, sì, fatevi pure i cazzi vostri, che se mai non mi mangio tutto prima, quello che rimane lo lascio a quella coi baffi da cosacco e a quella nera come un cappello da prete che canta tutto il giorno “Cuando calienta el sol”…»

E l’umore lento del titolo non era riferito al mio umore, era un consiglio di “prenderla dolce” agli schizzati di Twitter e Feisbuk, una sorta di Slow Food adattato al cibo della mente.
Se poi non avete colto neppure l’elegante calembour del titolo, allora…

Forse il commento più costruttivo è stato quello di Storvandre (sì, lo so, adesso si firma col suo nome, fa il serio, il vecchio conformista che fa il giovanotto commentando da Twitter…) il quale mi ha fatto notare, per la seconda volta, quanto sia laborioso il lavoro di registrazione pre o post commento, cosa che io ignoro perchè, ovviamente, vedo le cosa dal lato dell’Amministratore del sito.
Conscio del fatto che è proprio la lunghezza di tutta la trafila la ragione principale per cui io per primo non commento mai i post degli amici, sono andato a vedere nelle impostazioni come si fa a rimuovere tutto ma non so da che parte prendere e se tutto va bene sono riuscito a togliere l’obbligo di scrivere il proprio indirizzo email: se passa di qua Claudiochenecapisceparecchio, il mio Guru informatico, non mancherò di sottoporgli il problema.

Bòn, finito, mò mi tocca pure lavorare un’oretta e poi dovrò cercare una ricetta per un sugo “in bianco” -e che cazzo, sempre ‘sto pomodoro…- per accompagnare le polpette di piano doppio lesso e salsiccia che servirò questa sera a Bimbi, anche se sono molto tentato di servirle in brodo (vero, quello del piano doppio), magari profumato con cipolla caramellata e curry… Vedremo.

E già che prima mi è venuto in mente di far cantare alla badante dominicana una delle più belle canzoni di sempre, ve la giro anche, sapendo di fare cosa gradita alle mie due badanti.
Certo, quel purista di Marco storcerà un momentino il naso perchè non si tratta dell’originale de Los Hermanos Rigual; hai ragione, le voci sono proprio un’altra cosa, peccato che i primi 30 secondi dell’originale, più che un’ouverture, sono un affusolato dito nel culo.
Al Camagna basterà sapere che la canzone parla di corpi nudi al sole e che contenga la parola “pelo”, che qui sta per “capelli” ma per il nostro è già sufficiente.

Dottordivago

Annunci

Read Full Post »

Travaso

Queste mi piacciono particolarmente, tant’è che da Feisbuk le travaso qui.

 DERIVATI

FASSINA

Dottordivago

Read Full Post »

Slow mood

Umore lento.
Si ottiene con un pizzico di “take it easy” e una bella manciata di

pèila dusa,

“prendila dolce” in dialetto alessandrino.

Nei commenti al post precedente ho ipotizzato che la gente si sia un po’ stufata del Dottore e del suo Panda e lo dico perchè ho dato un’occhiata ai contatti, dopo aver constatato un sensibile calo dei commenti.
Tra l’altro, è da un po’ di tempo che ho un sacco di cose in testa e, non ultimo, un tot di parenti stretti con un pallino in un’ala, inteso come malanni assortiti: non roba che mi rovini la vita ma ho la sensazione che il mio umore sia leggermente peggiorato e a mio avviso la mia produzione letteraria ne risente, da un po’ di tempo mi sembra di scrivere “con la mano sinistra”.

Per fortuna qualcuno si è preso il disturbo di darmi almeno una grattata in testa, cosa che ho molto apprezzato, anche se devo ricordarvi ancora una volta che il Dottordivago è un’entità che si nutre di patatine fritte e della più smaccata adulazione, quindi non siate nè timidi nè misurati…

Comunque, dei contatti m’ pass’ manc’ p’u cazz’, non guadagnavo una lira con 5/600 e la resa è la stessa con 150: magari riuscissi, nel mio lavoro, ad ottenere lo stesso guadagno con un bel 70% in meno di clienti…
Ho buttato l’occhio anche ai termini di ricerca che portano i turisti su queste pagine, che poi sono quelli che creano il movimento e di cui non me ne può fregare di meno, prova ne sia che non metto un tag da un anno o forse più.
I termini di ricerca più ricorrenti, escludendo ovviamente tutto ciò che riguarda il panda, tra ieri e oggi sono

  1. i preti scopano le suore
  2. cazzo in culo non fa figli

Ecco, se anche me ne perdo un po’, di questi internauti, pazienza…
Comunque ci deve essere un motivo tecnico, almeno credo, visto che non mi arriva più una riga di spam, mentre per anni mi hanno bombardato con migliaia di offerte di Viagra e Cialis, manco fossi il Campione del Mondo di Piciomolle.

Sul calo dei commenti patisco un momentino di più e a questo proposito permettetemi una comunicazione di servizio:
Tu, merdone che leggi a baffella e te ne vai, non pensi, cornuto, che anche a me, oltre che scrivere, piacerebbe pure leggere qualcosa? EH?!…
Esclusi i presenti, of course…

Ho pure fatto una riflessione.
Così come “Video killed the radio star”, nel senso che la televisione si è mangiata di traverso tutti gli altri media, probabilmente la lettura veloce e voyeuristica di Feisbuk o similari sta avendo il sopravvento sulla voglia di leggere più di tre righe di fila e che il -da me odiatissimo- tasto “mi piace” stia uccidendo la voglia di commentare con parole proprie.
Insomma, può essere che i blog rispetto a FB stiano facendo la fine dei libri rispetto alla TV?

Eh… ma FB è più veloce, salti qua e là…

‘Sta cazzo di mania della velocità!…
Se leggi solo cazzate, che te ne fotte di andare più veloce per leggerne di più?
Ecco, questa domanda presuppone che io consideri ciò che si legge qui o su un altro blog più interessante o divertente della maggior parte della roba che gira su FB: la risposta è “sì”, ne sono convinto.

Tanto per dirne una, questo è anche un blog di servizio e ve lo dimostro.

Mi si è gonfiata una gengiva -ma gonfia, eh…- e il dentista mi ha prescritto un ciclo di antibiotico, l’Augmentin, per essere precisi.
Ieri, dopo il primo giorno, mi sento suonato come un tamburo, la sensazione è quella di avere l’influenza, sensazione aumentata dal gonfiore alla gengiva che si ripercuote anche in gola, più un pizzico di mal di testa, col risultato di sentire proprio tutti i sintomi dell’influenza.
Se non che, ai sintomi precedenti mi si aggiunge uno scombussolamento intestinale che sfocia nel più classico “spruzzone”, diciamo un paio al giorno: eccola là, influenza in forma intestinale…

Mi sembra strano: il mio sistema immunitario ha pochi anticorpi e molti ultracorpi, per cui è veramente difficile che mi becchi qualche malanno di stagione.
Poi, il dubbio: ma sarà mica quella zozzeria che sto prendendo?
Mano al bugiardino, scopro che la diarrea è quasi la funzione istituzionale di questo farmaco: sì, ti secca anche i batteri ma in primis comincia a cagare, poi dell’infezione ne parliamo.
A questa rassicurazione fanno seguito tutte le altre, vedi spossatezza, mal di testa ecc ecc, così mi spiego il balordone del momento, anche se devo riconoscere che è strano: mi era già successo la stessa cosa sei mesi fa (infatti appena sono in bolla ‘sto dente di merda fa una brutta fine…) ma il farmaco non mi aveva fatto quest’effetto.

Proseguo la lettura e trovo gli effetti indesiderati rari:

bugiardino1

Ma no dài… È uno scherzo, bisogna avvisare la Glaxo che qualcuno gli ha taroccato il bugiardino…
Lì è qualcuno che ha fatto come i grandi pittori o illustratori, che disegnavano una veduta di un girone infernale e mettevano le fattezze di un loro nemico sul corpo di un dannato che lo stava prendendo nello sgnau, oppure è l’equivalente del salame in una vignetta di Jacovitti…

Comunque, non so voi al mio posto, ma se la lingua mi diventa “nera e coperta di peli”, io chiamo l’Esorcista, altro che il medico…

Dottordivago

Read Full Post »

Va’… manco a farlo apposta, oggi ho trovato ‘sta cosa:

ipocrisia1

Ma qui si parla ancora di ipocrisia personale.
Vorrei, invece, fare una riflessione, sempre se mi ricordo dove ho messo l’organo preposto, relativamente all’ipocrisia istituzionalizzata.
Già non capisco l’ipocrisia di un singolo, davvero, non capisco cosa ci possa guadagnare, a parte una figura di merda; rimango addirittura senza parole quando l’ipocrisia arriva dalle istituzioni o da un politico che…
No, non parlo di politici, manco per fare un esempio: troppo schifo.

Comunque, quando l’ipocrisia è “istituzionale”, che senso ha?
Capisco Bersani… ecco, lo sapevo che ci cascavo… capisco che debba negare il coinvolgimento in Monte dei Paschi, situazione da dita nella marmellata e Nutella agli angoli della bocca, situazione tipo quella del Berlusca in mille processi, vedi caso Mills, tanto per dirne una.
Però, parlando di ipocrisia, il Compagnuccio è messo peggio del Puttaniere.
Infatti, fino a due giorni fa, Crapa Pelata parlava della “necessità, e suo preciso impegno, di finanziare il lavoro e non le Banche”, mentre Crapa Moquettata non ha mai lanciato anatemi contro l’evasione o i reati finanziari, tutt’altro…
Meglio, molto meglio per il PD sarebbe stato dichiarare «Bisogna chiarire la faccenda ma potremmo esserci fidati delle persone sbagliate»: va bene che nell’anatomia di un politico le guance si chiamano “chiappe” ma, almeno in campagna elettorale, salvare la faccia non sarebbe una pessima idea.

Credo che politicamente l’ipocrisia uccida, predicare bene e razzolare male toglie credibilità ad una persona che basa tutto sulla propria immagine, è una categoria che dovrebbe proporre più “verità romanzate” che non prese di posizione nette per poi smentirsi clamorosamente; rende più grave la figuraccia, un po’ come se ad infrangere la legge è un tutore dell’ordine.

Torniamo ancora per un momento al mio caffè della domenica mattina, sul divano, leggendo il Televideo. Sì, vabbe’, la data è di sabato ma io l’ho letto e scaricato domenica.

16_9_page-136

È una delle tante troiate che corrono nella scia del redditometro, come un branco di cani dietro a una macchina che passa e va.
A parte che ‘sto redditometro prima ce l’hanno fatto cadere dall’alto, spiegandoci che “dopo lunghi e approfonditi studi e bla bla bla, con la partecipazione di economisti e bla bla bla, il contributo di sociologi e bla bla bla…”
Poi, poco dopo la presentazione, sembrava già l’odore che ristagna dopo una quaglia in un ambiente affollato: tutti si guardano e nessuno l’ha fatto, il più clamoroso e disconosciuto figlio di NN della storia.

A parte che non ho ancora capito come pensano di farlo funzionare, inserendo parametri come la spesa dal barbiere/parrucchiere: ma da quando, uno si fa fare la ricevuta e poi pretende di scaricarla?
E se anche fosse, la prima cosa che mi viene in mente è di non farmi fare la ricevuta e siamo tutti contenti: io, che non tiro su il redditometro e il barbiere, che non tossisce una lira di tasse.
Marca “bravo” al redditometro, ipocrisia ad altissimi livelli.

A meno che…
Okay, io la dico ma dopo questa botta di fantascienza Isaac Asimov potrà andare in giro a mettere i depliant dell’Esselunga negli ingressi condominiali.
A meno che, dicevo, non abbiano già le idee chiare su chi andare a beccare.
Che il grande capo continui a dire: «Tranquilli, non è l’Inquisizione, i controlli saranno circa 40 mila, praticamente l’uno per mille dei contribuenti…» mi suona sibillino.
E chi ci dice che non li abbiano già individuati? Non sarebbe così strano, ci sono dei casi talmente clamorosi…
Il primo che mi viene in mente è quello di mio cugino, che vent’anni fa aveva intestato la Porsche a sua nonna, che poi era mia zia, classe 1902: putroppo questa fa ridere ma è vera e soprattutto è una goccia nel mare.
Il problema, una volta individuati i malamente, è che devi anche dimostrarlo e ben sappiamo che la voglia di alzare il culo dalla sedia per indagare -salvo che si tratti di andare a Cortina per Capodanno o a Porto Cervo in agosto- è merce rara.
Così si inventano uno strumento giuridico (si chiamerà così?…) che ribalta l’onere della prova: «Dimostrami di essere innocente»
Ragionamento che, se per un “garantista” alla PDL suona come una bestemmia, è musica per le orecchie di chi non ha l’ipocrisia di sostenere che si può vivere bene con 10.000 euro all’anno o vivere agiatamente con 20.000.

L’idea sarebbe buona, anche se, da quel poco che ho letto, non mi sembra la pensata del secolo.
Poi ci saranno anche dei parametri corretti e validi, grazie a cui individuare i redditi sospetti, ma a chi lo fai ‘sto ipotetico culo se la soglia di evasione è di “7.642 euro per una coppia senza figli che lavora al Nord”?
E non parliamo della stessa coppia al Sud, per cui la soglia è di 2.300 euro, anche se mi auguro che ci sia un errore di battitura e che la cifra “giusta” sia 7.300; con gente che presenta denunce dei redditi di questo livello, il redditometro non serve, è sufficiente verificare se respirano: se lo fanno, se non sono morti d’inedia, significa che evadono.
A quel punto gli sequestri il carrello del supermercato in cui tengono tutte le loro cose e gli pignorino i cartoni sotto cui dormono.

Dottordivago

Read Full Post »

Rieccomi, ipocritoni-oni-oni-belli-di-zio…

Riprendo solo un momento il concetto esposto nel post precedente, quello relativo agli “sfigati” laureati over 28.
Marco grosse scarpe e poca carne, Marco cuore in allarme, confessa di essersi laureato a trent’anni, vabbè, 29 scontando l’anno della naja.
Nessun problema, amico mio, almeno tu ti sei laureato; io, invece, ho dato tre esami in tre anni, roba che a quel ritmo sarei arrivato giusto in tempo per mettere “dott” vicino al mio nome sui manifesti da morto.

È qui la differenza tra me -e credo pure te- e il mondo degli ipocriti, quelli per cui la colpa è sempre del sistema, della società o delle macchie solari.
Io riconosco che per la mia mancata laurea non c’è stato nessun altro impedimento che non sia l’inconcludenza e la mancanza di volontà del sottoscritto. E se tu ti sei laureato a trent’anni, salvo sfighe che ignoro, non mi vorrai mica dire che, con un briciolo di impegno in più, non avresti potuto  sbrigare la pratica in tempo, neh?

Confesso che, poco dopo l’iscrizione all’università, mi è capitato in mano il libro di testo di un amico, acquistato usato; sulla prima pagina c’era scritto:

Gli altri vanno a donne, noi andiamo a Ingegneria.

«Buona fortuna, ingegneri -ho pensato- mi sa che anche solo per rispettare l’ordine alfabetico, comincerò con le donne…»

Ecco, se c’è un appunto da fare al teorema Martone, è quello della definizione.
Chi si laurea dopo i 28 anni, sempre che non si tratti di uno studente lavoratore che si fa un culo così, è un lavativo, un fagnano, un blimblanatore professionista. O tuttalpiù un asino, ma non uno sfigato, anzi…
Sono graniticamente certo di aver mietuto molta più gloria nel campo della figa che non la maggior parte di quelli che si sono laureati nel tempo canonico, e nessuno me lo toglierà mai dalla mente.
Con qualche rimpianto per la mia cultura…

E adesso? Ah, sì, mi serve ancora la foto di ieri per chiudere l’argomento “ipocrisia personale”, poi vedremo quella “istituzionale”.

16_9_page-134

Oltre agli ipocriti che costituiscono l’80% che non rinuncia alla sostenibilità ambientale, c’è quell’83% che “rifiuta di acquistare prodotti derivati dallo sfruttamento di minori”.
Come no, niente di più facile e probabile.
Nel 2013, migliaia di prodotti nei supermercati affiancheranno al marchio CE anche l’avviso che il prodotto proviene da lager tipo miniere di zolfo dove i bambini vengono sfruttati e maltrattati, qualcosa del genere:

marchio_CEfaccina-che-piange

almeno il consumatore etico potrà rifiutare l’acquisto con una smorfia di disapprovazione, mentre in alcuni casi ci sarà anche un avviso “forte”, tipo pacchetti delle sigarette brasiliani, probabilmente qualcosa del genere,
pedofiliamarchio che certifica che il minore, dopo dodici ore di miniera, viene anche immesso sul mercato della prostituzione.
Per questo tipo di prodotto, il consumatore etico e consapevole potrà addirittura assumere un atteggiamento di profondo disgusto, dichiarando ad alta voce
«Di questo passo, dove andremo a finire?»
Continua

Dottordivago

Read Full Post »

Caffè della domenica mattina davanti al Televideo.
Sto combattendo la nausea, peggio che in certe domeniche di qualche anno fa, ai tempi in cui “sabato sera” era sinonimo di “eccessi alcolici”. Ieri sera, invece, ero perfettamente in bolla: buon cibo e poco alcol, niente piedi rotondi, insomma.
Ma stamattina… ‘na nausea da notizie…

Avete presente le interviste alle “Miss Qualcosa”?
«Vorrei la pace nel mondo, amo l’amicizia e odio l’ipocrisia»
Ecco, tranne la pace nel mondo -ammazzatevi, scannatevi, sbudellatevi, basta che non veniate a rompere il cazzo a me- ho dei gusti da Miss: amo l’amicizia e odio l’ipocrisia.
A tal proposito mi sovviene un post di molto tempo fa, per la precisione il secondo della carriera del

Dottordivago, romantico cavaliere dal forte braccio, brillante ingegno e cuor di fanciullo, nonchè blogger per signora

post che vi ripropongo appena appena condensato.
E se subito dopo il Numero Zero “Perchè il Panda deve morire” ho scritto il seguente “Ipocriti al quadrato”, sarà perchè è una cosa che ritengo importante, no?

IPOCRITI AL QUADRATOCon il post precedente (me lo ricordo bene, è il primo della mia vita e l’ho pubblicato venti minuti fa…) ho cercato di spiegare il panda-pensiero e ho portato come esempio alcune categorie da colpire.
Ora andremo nello specifico che più specifico non si può: la categoria è “tutti”, salvo poche eccezioni.
Io sono un’eccezione.
E non perchè sono un santo: vi garantisco che le persone “a posto” sono
diverse da me, non valgo più di voi: potessi comperarmi per quello che sono e vendermi per quello che dico di essere, potrei dare del barbone al Sultano del Brunei e dopodomani assumerei Bill Gates come pulitore di fosse biologiche.
Ho un pregio: non sono ipocrita.
Bugiardo, fasullo e inconcludente forse sì, ipocrita no.
Che differenza c’è? Faccio un esempio.
Fulgencio Batista, deposto dittatore cubano, incarcerava e/o uccideva gli oppositori mentre il popolo faceva la fame, quindi era un pezzo di merda.
E quello sono io.
Fidel Castro incarcera e/o uccide gli oppositori, inoltre metà dei cubani, perlopiù brava gente, per campare fa la puttana o il ruffiano e tutti
insieme fanno allegramente la fame: ma gli raccontano che è per il bene del popolo, cioè loro stessi. Questo è essere ipocriti “panda”, e io non sono così.
E mò vediamo perchè siete quasi tutti una massa di ipocriti e quindi “panda”.I nostri politici, Dio li maledica, ogni tanto si distraggono e, pur essendo il corpo d’élite dell’ ipocrisia, a volte gli scappa la verità, o quantomeno il loro vero pensiero.
Pochi giorni dopo l’11 settembre, il Berlusca, riferendosi ai terroristi e in senso allargato a tutti gli estremisti ed integralisti islamici ha dichiarato che non dobbiamo farci mettere sotto da persone la cui cultura è inferiore alla nostra.
Apriti cielo!
Gli avete fatto un culo così e lui subito a fare “parola turna indrè”, sto pirla.
Se invece avesse picchiato simbolicamente il pugno sul tavolo, riaffermando quanto sopra, spiegando che

  • noi non segreghiamo, mutiliamo o lapidiamo le nostre donne ma le mandiamo in giro con SUV, cellulare e sigaretta d’ordinanza
  • non ci inventiamo un Dio che ci dice di farci saltare in aria in mezzo a più gente possibile
  • ma soprattutto noi non ci inventiamo un Dio che ci vieta salame di Varzi e Barbera,

il nostro Silvio sarebbe diventato un paladino dell’Occidente e, alla lunga, ci avrebbe pure guadagnato politicamente, perchè per una volta avreste sentito ciò che pensate tutti ma che non dite.

Un’altra? Saltiamo la barricata.
Un bel giorno, probabilmente parlando nel sonno, Prodi ha detto che ”questo è un paese impazzito”.
A riapriti cielo!…
Tutti offesi a morte a latrare risentimento contro un pover’uomo che già pochi minuti dopo averlo detto stava malissimo, colto da una crisi allergica da verità, malattia per cui non possiede gli anticorpi.
Lungi da me difendere Prodi ma, scusate, questo non è un paese impazzito?
Avete mai visto come ci comportiamo? Quando siamo in auto, in coda, al lavoro, in vacanza? Come la mia generazione -o almeno più della metà- ha allevato non dei figli ma degli Anticristo molli e viziati? Come esca di galera prima l’arrestato che il poliziotto che ce l’ha portato?
Non siete mai stati così sani e avete il terrore delle malattie: fidatevi,
parlo con molti medici e ne sento certe…
Come tanti Fonzie non riuscite a dire «Ho sbagliato», salvo farlo, piangendo e a pagamento, in televisione.

Ancora una. Ricordate quando Padoa Schioppa ha sussurrato la
parola ”bamboccioni”?
Le code di paglia hanno preso fuoco. Gente di quarant’anni che sta con i genitori solo perchè guadagna mille euro al mese, perchè sono precari, perchè gli affitti… perchè…
Perchè siete bamboccioni!
A trentanni sarei stato in una topaia o in un ovile dismesso perchè malsano per le pecore, pur di fare ciò che volevo, fosse anche solo sbronzarmi con un puttanone caritatevole che mi avesse fatto credito.
E quindi? Quindi siete una banda di ipocriti al quadrato, i peggiori ed ipocriti “uomini-panda” ecc ecc.

Con un salto di oltre cinque anni arriviamo ad oggi.
Vi siete ripetuti in occasione del “choosy” della Fornero, quando è innegabile che i nostri giovani non trovano lavoro mentre dieci milioni malcontati di stranieri, negli ultimi vent’anni, sì. E se lo fai notare, ti rispondono che si tratta di “lavori di merda”, e non di essere choosy, cosa che mi ricorda molto i leghisti della prima ora quando dicevano: «Noi non siamo razzisti, sono loro che sono terroni».
Fino a vent’anni fa, milioni di italiani ci hanno mantenuto le famiglie per una vita, con quei lavori di merda, ricordatevelo.
E pregate che la pensione dei nonni duri ancora a lungo…

E quella di Martone, il vice-Fornero, ve la ricordate?

Se a 28 anni non sei ancora riuscito a laurearti, sei uno sfigato

escluso chi studia e lavora, ovvio.
Minchia che casino! E non è servito ricordare che in Italia ci sono i laureati più fuori corso e vecchi del mondo, dei veri decani prima ancora di discutere la tesi, parcheggiati all’università da famiglie che possono permetterselo, magari piangendo miseria e attingendo ad aiuti pubblici.

Torniamo alla nausea della domenica mattina:

16_9_page-134

A parte che continuo a non capire il senso di uno studio che prevede un campione del 74+72+71= 217%, roba che se pensate di spiegarmela, armatevi di pazienza perchè io proprio non ci arrivo.
Resta il fatto che gli italiani hanno sicuramente smesso di comperare case e automobili e sull’abbigliamento non mi pronuncio, lascio spazio al Camagna, ma a costo di dare ragione al Gran Puttaniere, i ristoranti sono ancora pieni -non di tedeschi, eh?- e la tecnologia, principalmente quella mirata allo svago, è l’unico settore che tira sempre.
In più, la mia inviata speciale Bimbi, che ama sciare -e io lascio che ci vada- mi conferma che a La Thuile le macchine aumentano ogni anno e lei, che non arriva proprio prestissimo, si ritrova a parcheggiare, immancabilmente ed inesorabilmente, sempre più lontano.
Io faccio solo notare che lo sci non è una terapia salvavita, non è economico e non lo passa la mutua e ricordo a tutti che da almeno quindici anni sostengo che i lamenti da Terzo Stato della classe media derivano minimamente dall’innegabile minor potere d’acquisto e massimamente dalle maggiori “necessità irrinunciabili” quali, appunto, ristoranti, viaggi, divertimenti e smartphone.
Qualcuno ci ha detto che tutte queste cose ce le possiamo permettere, anzi, che lo dobbiamo a noi stessi, e molti ci hanno creduto, dimenticando che i nostri padri operai si sono anche comperati la casa ma senza mai “alzare la testa”, magari girando in bicicletta, senza sapere com’è fatto un ristorante o un albergo; casa in cui molti figli oggi vivono, senza peraltro riuscire ad arrivare a fine mese ma con la scusa ipocrita che la ragione è l’aumento dei prezzi e non, magari, quel paio di vacanze e quella dozzina di ponti o week end a spasso…
Basta, è roba vecchia, ne ho già parlato altre volte, ma sento come il dovere di mostrare una situazione forse un po’ più rosea dello stato attuale, comunque più realistica di tante notizie drammatiche che sembrano piacere molto all’opinione pubblica.
E la mia solidarietà va a quelli che il lavoro l’hanno perso davvero, non ai piangina di professione e agli “otto milioni di poveri”, di cui l’80% al Sud, cifra dovuta all’economia sommersa, tutti dati realistici come i “venti milioni di baionette” di Bossi.

Ma, tornando allo studio della Coldiretti, è quell’80% non disposto a “rinunciare alla sostenibilità ambientale”, che mi fa impazzire.
Lo sapete che l’88% dei consumatori rimpiange i vecchi sacchetti di pvc o di che cazzo erano? Sì, proprio quelli che durano quanto una contaminazione radioattiva e soffocano i delfini, oltre a decorare il paesaggio.
Dov’è la sensibilità ambientale di chi aspetta ore in macchina col motore acceso? O di chi compera un’auto più larga, più alta, più pesante e col doppio delle ruote motrici necessarie –si chiamano SUV e ce l’avete quasi tutti- e che obbligatoriamente consumano –ed inquinano- il 20% in più di un’altra auto con lo stesso motore?
Gli americani sono il massimo: 200.000 comperano la Prius ibrida, 500.000 comperano l’F150, l’auto più venduta del 2011, un pick up della Ford lungo sei metri e alto come una baita valdostana.
Le case automobilistiche, poi, che mettono in commercio le ibride, se non addirittura le elettriche,  per abbassare la media delle emissioni della loro gamma di jeep, supersportive o ammiraglie di cinque e passa metri, possiamo definirle diversamente che “ipocriti”? Fare un’auto con 80 gr di emissioni -e venderne tre-per rendere virtuose le altre, quelle da 400 gr, quelle che si vendono davvero, è proprio una schifosissima ipocrisia istituzionalizzata, un po’ come se l’Albania, per il fatto di aver dato i natali a Madre Teresa di Calcutta, facesse diventare “mediamente onesti” qualche migliaio di delinquenti, scafisti e sfruttatori di puttane.
Continua

Dottordivago

Read Full Post »

Come nel cestone dei saldi, in cui a forza di ravanare qualcosa di buono esce, anche su Feisbuk qualche genio si trova.

ass

È bello così ma, se passasse da queste parti qualcuno con poca confidenza con le raffinatezze della lingua inglese, faccio gli onori di casa e traduco:

Glielo pianterei nel culo così profondo
che chiunque riuscisse a tirarlo fuori
verrebbe incoronato come il nuovo Re Artù

Giù il cappello, gente…

Ah, per chi si soffermasse sulla parte volgare, semplice pretesto per la genialata che ne segue, e non non ne avesse colto la grandezza, il riferimento era a questo:

la-spada-nella-roccia

Ci vuole un pizzico d’onestà per ammettere che, se certe croste sono arte, questo è genio.

Dottordivago

Read Full Post »

Older Posts »