Feeds:
Articoli
Commenti

…diceva Mathilda/Natalie Portman nel film “Leon”.

230316
Volo basso, non mi lancio in analisi e soluzioni del problema Jihad e jihadisti della porta accanto o migranti.
D’altronde non divento entomologo se devo disinfestare la casa, non studio il ciclo riproduttivo delle blatte ma le schiaccio o le avveleno.
Lo stesso sistema, soluzione magari non definitiva, probabilmente non risolutiva ma che darebbe una bella ripulita, sarebbe applicabile al problema Jihad: niente di fantascientifico, solo semplici, banalissime squadre della morte.
Uccidere è banale, è solo questione di volerlo fare, poi diventa un gesto come girare un rubinetto o allacciarsi le scarpe.
E allora, banalmente, si va di notte a prelevare il sospetto jihadista o l’imam dalle prediche infuocate o il fedele particolarmente arrabbiato e lo si ammazza.
Fine.
Oppure gli passi di fianco, in un posto qualsiasi in cui non ci sono telecamere
-e se ci sono, qualcuno le elimina, prima- e gli spari nella nuca con una 22 hollow point: poco rumore, poca potenza, palla che si deforma al primo impatto quindi non esce ma rimbalza un po’ in mezzo a quella merda.
Punto.
Non è difficile.
Senza enfasi, senza mandati, senza azioni spettacolari, nient’altro che dei travet della morte, protetti da un apparato, come i funzionari di Equitalia.
Non esaltati, gente posata che sa di fare un lavoro prezioso.
Gente normale, come me.

Poi, rodato il sistema, è una cura che va bene per tutti i settori del crimine, non solo per i pecorai di Allah. Tutto sta nell’avere le persone giuste ma, come ben sapete, da noi c’è una certa penuria di gente in gamba.
Magari io sono un pirla ma se fossi appoggiato tecnicamente e logisticamente, nonchè tutelato penalmente, lo farei.
Oh, se lo farei. 
A sei anni aiutavo mia nonna ad ammazzare conigli e galline, dopo la prima volta diventa banale, persino con i conigli, che fanno molta più pena dello schifoso jihadista medio.
Ma non si può fare, manca l’organizzazione: da solo (e pure in compagnia di ciucci come me, senza esperienza) mi beccano ieri.
Pazienza, teniamoci la magliette con “Je suis…” e i profili Facebook con i colori della bandiera di turno.
E rispondiamo al terrorismo esportando cultura. Ecco, quella sì, che serve.
Forse, dico forse, servirebbe a lunghissimo termine.
Ma per l’immediato, la soluzione migliore è la mia.
Funziona anche a medio e lungo termine: basta ammazzarne di più.

Dottordivago

Ecco…

…giusto il tempo di rimettermi a scrivere qualcosa…

E mi è arrivato addosso il mondo, ho mille cose da fare.

Mondo… ma vaffanculo, va’…

Dottordivago

…al massimo per froci.

Mi prendo una pausa dalla saga del Tom Sawyer del Basso Monferrato, per una cosa che è una via di mezzo tra l’amarcord e l’instant post.
Approfitto del fatto che oggi è il 9 marzo per pronunciare la parola “donna”, ieri non l’ho fatto, insieme a “buona” e “festa”. E pure “della”, va’…
Non ho mai nascosto la mia intolleranza per l’8 marzo e per l’icona “Donna”, mentre le donne, vi dirò, non mi dispiacciono.
E mi fermo qui, non voglio parlare di donne.

Voglio parlare del rapporto tra me e loro quando la parola diventa scritta.
Rapporto pessimo, ve lo dico subito.
Va be’, diciamo che ci vado molto meno d’accordo che con gli uomini, alla faccia del mio millantato

DOTTORDIVAGO, blogger per signora

Se tra blog e Facebook mi è capitato di prendermi di brutto con qualcuno, si è sempre trattato di donne, l’unico uomo con cui è successo è riconosciuto come un imbecille a livello quanto meno provinciale.
Questa cosa mi viene in mente perchè nell’oceano internet le bottiglie con i messaggi a volte arrivano, cosa accaduta proprio ieri, solo che ieri non parlavo di donne, nè bene, nè male, semplicemente “non”.

Sono capitato casualmente sul post di uno dei primissimi lettori del Pandadevemorire, un friulano/brasiliano, con cui c’è stato persino un pranzo in Friuli, sulla strada per la Croazia. Comunque, tutto bene, sia prima che dopo lo scazzo con la sua fidanzata, scazzo epistolare, sottolineo, non le ho toccato il culo.
Ahhh… il mio primo scazzo online…
E il primo scazzo, non si scorda mai.

Dunque, l’amico pubblica un post (anno 2008) in cui parla di un giapponese:

Un giovane orientale (perché gli orientali, si sa, sono meglio di noi), utilizzando la tecnologia del Nintendo Wii, ha inventato un modo per avere un’interazione con uno schermo come se fosse una finestra in un mondo 3D. Ecc… ecc… ecc…

Trattandosi di giovanotto intelligente, l’affermazione sugli orientali “che sono meglio di noi”, era ovviamente una presa per il culo dell’imperante sudditanza psicologica di molti occidentali, che spesso dimenticano di aver “terraformato” questo pianeta e soffrono di un colonialismo intellettuale di ritorno veramente insensato.
Così gli ho mandato il seguente commento:

Caro xxx,
niente da ridire sulla genialità del giovanotto dagli occhi a mandorla, anche perché, come ben sai, a livello tecnologico non faccio testo, avendo da poco digerito la comparsa delle macchine a vapore.
Devo invece farti un culo così sul fatto che gli orientali siano meglio di noi.
Secondo me non lo pensi davvero ma, essendo dotato di giocoso animo brasileiro, tu la butti lì e guardi cosa succede.
Beh, te lo dico io cosa succede. Succede che il Dottordivago, noto paladino dell’occidente, a sentire una cosa così si fa brutto brutto, cosa peraltro non facile perché possessore di un volto che pare dipinto dal Botticelli.
Stavi parlando degli orientali di Saturno, vero? No, perché quelli terrestri non li trovo tutto sto granchè, anche se non bisogna generalizzare in negativo.
Ma neanche generalizzare in positivo come fai tu.
Questa gente ha indubbiamente una volontà fuori dal normale, un po’ come mio cognato (da parte di sorella) che, pur non essendo il più furbo del mondo -non è neanche nei punti…-, possiede una voglia di lavorare che se ce l’avessi io sarei l’imperatore dell’emisfero boreale (australe, no, vuoi mica che venga a romperti i coglioni in Brasile, no?).
Questi signori hanno ottenuto tutto ciò che hanno al prezzo di inenarrabili fatiche: ti ricordo che in Giappone, nel dopoguerra, un paio di generazioni non ha visto la luce del sole, tanto si rompevano la schiena lavorando.
Se non ci fosse stata la guerra, che gli ha dato, sì, una bella pettinata, ma ha portato denaro e mentalità del novecento, sarebbero ancora nel medio evo, quanto meno dal punto di vista sociale. Costruivano i più bei caccia del secondo conflitto, ma il popolo faceva la fame per mantenere una casta militare che assorbiva tutte le risorse disponibili, un po’ come la defunta -evviva!- Unione Sovietica.
Ma a parte i fatti storici, mi cadono pure su tutto il resto.
Noi saremo più buzzurri ma non viviamo un’esteriorità esasperata come la loro; ti rendi conto che per servirti un tè ci mettono più di noi a fare un bambino? E che prima di rivolgerti la parola ti danno il biglietto da visita, con due mani, naturalmente; e tu con due mani lo devi prendere, pena sembrare il più cafone del mondo.
E i bastoncini per mangiare? Come già ti facevo notare in altra occasione, noi abbiamo già scoperto la Gazzetta dello Sport, poi la carta igienica, per pulirci il culo e le posate per mangiare. Questi hanno bisogno di uno che faccia tutto a pezzetti, come noi ai malati d’Alzheimer, e se mangiano una zuppa la ciucciano dalla scodella e coi bastoni si buttano in bocca la roba che resta sul fondo. Che spettacolo, eh?
E poi il karaoke, il tamagotchi, gli ufo robot… pensa cosa mi sono perso io, che mi sono dovuto accontentare di Walt Disney…
Bella storia i manga erotici, ma non basta a compensare un popolo che al culmine della trombata grida VADO! Ma per piacere…
E poi c’hanno un pisello che se lo circoncidi non resta più niente…
Dottordivago

Ecchellà, che mi risponde la fidanzata:

Caro Dottor Zivago hai mai sentito parlare di ETNOCENTRISMO?
ti riporto parte della definizione che puoi trovare su wikipedia (che una volta tanto si può citare come fonte):
L’etnocentrismo, nella sua accezione più moderna e comune, è la tendenza a giudicare le altre culture ed interpretarle in base ai criteri della propria proiettando su di esse il nostro concetto di evoluzione, di progresso, di sviluppo e di benessere, basandosi su una visione critica unilaterale.
Tale approccio si fonda principalmente sul confronto tra società moderne e società tradizionali; da tale confronto si desume che quest’ultime assumono caratteristiche proprie del sottosviluppo, ma l’errore di fondo sta nell’utilizzo di parametri tipici del sistema socio-economico capitalista occidentale(…)
Letto questo le tue deduzioni risultano alquanto antipatiche.

Cosa ci vuoi fare, tocca rispondere:

Cara xxx,
su wikipedia manca una definizione, ma provvedo io.

DOTTORDIVAGO: alter ego caricaturale di Carlo Gallia.
Personaggio autodefinitosi “romantico cavaliere dal forte braccio, brillante ingegno e cuor di fanciullo”, incarna alternativamente il meglio ed il peggio del vecchio incazzoso di cui, in quanto figura caricaturale, accentua, quando non esaspera, pensieri e caratteristiche. Sostiene anche, al contrario di Jessica Rabbit, di essere proprio stronzo, non è che lo disegnano così.

Tutto questo si scrive così ma si pronuncia “aver voglia di ridere”.
Ho un socio, che è più di un fratello, che quando arrivo mi dice:”Figlio di puttana, adesso arrivi?…” ed io capisco che tutto fila liscio.  Perchè non si preoccupi devo subito rispondere:”Fatti i cazzi tuoi, terrone di merda”, ed il mio calabrese preferito mi scocca un sorrisone dei suoi.
Una caricatura col naso giusto e la bocca precisa si chiama ritratto.
Una barzelletta senza situazioni limite è una storiella.

Carlo Gallia potrebbe raccontare:”Sono stato aggredito e trascinato in un vicolo da un tipo superdotato che mi ha violentato”.
Fa ridere? A me no, in tutti i sensi….
Il Dottordivago la racconta così:” Sono stato aggredito e trascinato in un vicolo da un tipo che ha tirato fuori un cazzone gigantesco; per fortuna me l’ha messo nel culo, perchè se me lo dava in testa…”.

Non è meglio così?
Il mio commento mi sembrava così gonfio e tronfio di etnocentrismo ( a proposito, Technologic Woman, prima di wikipedia quella parola compariva sul primo vocabolario che mi hanno regalato, quarantanni fa) da non richiedere le istruzioni per l’uso del tipo “guarda che scherzo”.
Nessuno è meglio o peggio di nessun altro. E non è una ritrattazione: ho 48 anni, ho lavorato con governi, sono stato ospite di case regnanti ed ho girato almeno due volte il mondo, ma continuo a sostenere che la nostra cultura è mediamente -ripeto: mediamente- migliore di altre, per ragioni molto lunghe da esporre, non di certo sulla base delle posate con cui si mangia.
Quando ai miei amici brasiliani dico che vivono nel paese più stupido del mondo perchè fa caldo in inverno e freddo in estate, non si incazzano: ridono e mi dicono di andare affanculo io e l’emisfero boreale. Funziona così: uno dice una cagata e gli altri ridono. Non è male, dovresti provare.
E mentre siamo avvinghiati ad azzuffarci mi blocco, ti guardo e, col cuore a pezzi ti dico:”Ma cosa stiamo facendo? Cosa direbbe il nostro comune amico se ci vedesse? Con che coraggio potrei ancora guardalo nei monitor?”.
Cosa ne dici, pace?
Facciamo così, tanto il mondo non lo cambiamo: io resto il Paladino d’Occidente e tu la Paladina di Tuttiglialtri.

Ecco, questa è stata la mia prima esperienza con una che ha il senso dell’umorismo in riserva fissa.
Vi parlerò anche delle altre, devo solo andare a trovare i testi.
Buona serata, amici.

Dottordivago

Siamo arrivati alle tre del pomeriggio di una qualsiasi giornata estiva nella “Casa dalle finestre che ridono (davvero)”, più o meno l’ora in cui la giornata tipo prendeva vita.
Così tardi? Ma se persino a Napoli, alle 11, hanno già iniziato a lavorare quasi tutti…

Calma, gente, stiamo parlando del profondo Piemonte degli anni 60, in un paese in cui non passava il treno, l’unico, vero lucifero (scritto minuscolo e in senso laico, inteso come “colui che porta e diffonde la luce”) prima dell’avvento della televisione. Vi ricordo che quella realtà era una pianta con le fronde nel tempo reale ma le radici nell’Ottocento, credetemi.
E nell’Ottocento, o quanto meno nella mentalità ottocentesca:
«la pagnotta si guadagna al mattino»
« il mattino ha l’oro in bocca»
« se a mezzogiorno non hai ancora guadagnato la giornata, non la guadagni più», frase che oggi ha più senso se messa in bocca ad una russa che è uscita dal night alle 6, col cliente ciucco e ingrifato.

Quindi il mattino era sacro, atavico retaggio di quando le donne iniziavano, prima dell’alba, a pensare con cosa sfamare la tribù, poi cercare, raccogliere, cucinare… Nonna e zia davano l’avvio alla giornata di buon ora; tanto per dare un’idea, io mi svegliavo presto, per essere un bambino in vacanza, diciamo prima delle otto. Arrivavo in cucina e mia zia era già tornata con la spesa di giornata e, soprattutto, il pane fresco.
Il pane era la mia colazione. Caffelatte col pane, fresco o niente, quello del giorno prima non lo volevo neanche vedere; in mancanza del pane fresco -poteva capitare che mia zia tardasse un po’- passavo alla seconda scelta, i biscotti, questo per darvi un’idea di cosa fosse il pane “della Rosa”, premiata fornaia del paese. Tranquilli, non intendo scassarvi la uallera con la descrizione di quel pane, limitatevi ad immaginare la cosa più buona del mondo.
Fatto? Naaa… non ci siete neanche arrivati vicino.

Tempi leggermente ritardati per gli uomini: ne parlo come farei per i Flintstones ma a casa mia non era necessario che mio nonno o suo fratello rincasassero con la famosa bistecca di brontosauro, non avremmo fatto la fame comunque, però alle otto del mattino l’attività in bottega era già avviata da un po’ e, probabilmente, non incominciavano prima per non sembrare “dei morti di fame che lavorano quando è ancora buio”.
Sì, perchè allora c’era un tempo per lavorare e uno per vivere, l’esistenza aveva un altro ritmo. Per fare un esempio, chi, per un’emergenza o altro, passava di domenica in tenuta da lavoro, col trattore o col bue, per andare nei campi, veniva guardato un po’ di traverso e il commento era sempre lo stesso: «Che gente, hanno proprio paura di morire di fame…»

Breve divagata.
Oggi non c’è più rispetto per gli orari e per la festa.
Datosi che, salvo rari giorni di sfiga, io tramando l’antica tradizione famigliare (sono “in causa” con la lingua italiana: se scrivo famiglia, scrivo anche famigliare, con la g) del pranzo a casa e della pennichella, spengo il telefono dall’una alle due e mezza, perchè il mondo non mi deve rompere i coglioni.
Prima lo spegnevo a mezzogiorno, per la corsetta quotidiana, adesso me lo porto dietro, non vorrei sembrare troppo smorbio. E poi, se mi chiama un sucaminchia, mi scuso per il fiatone e dico che sto scaricando un camion, se è una cosa interessante, mi fermo, se mai capitasse la chiamata di una gnocca, me la tirerei da grande atleta.
Be’, non avete un’idea di quante chiamate mi risparmio in quell’ora e mezza.
Ma soprattutto di quanto ci guadagno: sono certo che se un cliente mi chiamasse in quel momento, sarei sgarbatissimo, lo perderei.
E poi mi incazzo quando non riesco a spiegare ai miei uomini, moldavi o rumeni, che non si può andare a montare le finestre in casa di qualcuno, che ne so… l’8 dicembre o il 25 aprile, salvo che te lo richiedano espressamente, perchè è festa. «E che mi interessa… che festa è?»
«È la festa di San Clemente, non si rompe il cazzo alla gente…»
Vai a fargliela capire… Piuttosto che niente, vanno ad aiutare un amico, proprietario di furgone, che fa traslochi in nero.

Oh, non ci arriviamo a  ‘sto pomeriggio, eh?
Insomma, il mattino era sacro. Che poi i ritmi non fossero frenetici non deve trarre in inganno: le donne si dividevano tra cucina, cura di conigli e galline, orto e lavoro vero e proprio (mia nonna era sarta), mentre gli uomini erano “passisti” della falegnameria, senza affanno ma senza perdere tempo.
Perchè la colazione di metà mattina, verso le nove, non era tempo perso.
Quella era Liturgia.
Pane con qualche fetta di salame o gorgonzola o con le acciughe o con “puvròn a moi” (“peperoni a mollo”, quelli sottaceto), magari una soma (pane sfregato con l’aglio e un pizzico di sale), il tutto accompagnato con vino rosso, che solo nelle giornate più canicolari lasciava un po’ di posto al bianco, nonchè un caffè e una cantatina.
Giuro, terminata la colazione, cantavano cinque minuti.

Viandante, fermati dove senti cantare: i malvagi non hanno canzoni

Continua.

Dottordivago

Dunque, come da link nel post precedente, nel 4° plin eravamo rimasti alla “bottega”, la falegnameria di mio nonno, mentre il 5° plin se l’è fagocitato il “Gene Strita”.
Mi fa un certo effetto riprendere in mano ‘sta roba: proprio parlando della mia tara genetica, tiravo in mezzo mia madre e ne parlavo al presente, quindi potevo caricarla senza remore. Purtroppo adesso, se mi dovesse venire qualcosa su mammà, dovrò anteporre “parlandone da viva” o “Dio l’abbia in gloria” o “pace all’anima sua”.
Già… Mancanza d’allenamento a parte, non sarà facile ritrovare il feeling con questa storia, mi manca un contatto con quella realtà, una testimone dei fatti, un ponte che prima c’era ed ora non c’è più.
Oltre tutto, oggi in quella casa non ci abita nessuno, neppure mia zia, che si è trasferita in città e che ha passato gli ultimi due anni (abbondanti) facendo da badante a mia mamma, prima, e a mio padre, ora. Oddio, con mio padre, più che fare la badante, fa la parte del “secondo ciucco”, quello che tiene in piedi il primo, che a sua volta tiene in piedi lui. Singolarmente, cadrebbero come sacchi di patate.

Quando ho iniziato questa storia (nel 2013, pensa te…) mammà era ancora viva e mia zia, sua sorella, viveva ancora in quella che fu “la casa dalle finestre che ridono (davvero)”. Ovvio che, recentemente, la casa non fosse più nemmeno l’ombra di quello che è stata un tempo: un conto è una grossa casa di campagna abitata da una donna anziana, un’altra è la stessa casa, quaranta o cinquant’anni prima, abitata in pianta stabile, oltre che dalla stessa donna trentenne o quarantenne, anche dai miei nonni, con due bambini semistanziali -mia sorella ed io- presenti in ogni momento libero da impegni scolastici, nonchè miei genitori nel ruolo di guest star.
E da tanta, tanta altra gente…

Ora immaginate quello che al cinema sarebbe un arpeggio che accompagna una dissolvenza…

Ed eccoci negli anni 60.
In un pomeriggio estivo, in un cortile pieno di gente.

Un cortile preso tra la casa e una riva scoscesa che confinava con la stradina inghiaiata, “la Cuglià”, nome di cui ho sempre ignorato l’etimologia, strada che portava alla chiesa e a casa del mio amico “il Prevosto”, dove ora c’è il triste spazio bianco in basso nella foto.
Cuccaro1

La linea rossa a “V” rovesciata, dove ora c’è una siepe, era una fila di magnifici olmi, lato Cuglià”, e piante da frutto, lato strada, tutta roba fatta abbattere da mia zia, oltre vent’anni fa, per poter controllare ogni minimo movimento in paese, Dio la maledica. Il giorno in cui sono arrivato e ho visto quello che, rispetto a prima, sembrava un cratere lunare, mi sono limitato a sbroccare con genitori e zia, chiamandoli “banda di pazzi”, solo perchè non ho mai insultato i miei vecchi, sennò avrei detto loro di tutto.
«CAZZO!-continuavo a dire- Siamo una famiglia di barboni ma abbiamo delle piante dai 50 ai 100 anni di età, una cosa che neanche il Sultano del Brunei può comprare da un giorno all’altro. E voi cosa fate? LE TIRATE GIU’! PAZZI SCATENATI! Vaffanculo a ‘sto cratere lunare, qui non mi vedete più!»

Quando c’erano le piante, il cortile era un posto magnifico.
La casa lo teneva in ombra fino a mezzogiorno, poi il sole aggirava il fianco e se ne impadroniva fino alle tre.
”Se ne impadroniva”… che paroloni…
A casa mia, dalle 12 alle 15, si formava un buco nero, una distorsione spazio-tempo, un vortice cosmico… una cosa che cancellava tutto ciò che era all’esterno della casa, compresi ogni forma di vita e il tempo stesso:

  • alle 12.00 il campanile “suonava mezzogiorno”
  • alle 12.01 mia nonna sembrava Cenerentola alle 23.59: entrava in uno stato di agitazione totale: «’I è sà sunà mesdì, se chi fei ancura ant la curt?» (È già suonato mezzogiorno, cosa fate ancora in cortile?)
  • mia nonna ne era certa: se alle 12.05 non fossimo stati tutti a tavola, cosa per altro mai successa, penso che la casa si sarebbe trasformata in una zucca.

E dopo pranzo c’era il sacrosanto pisolino, antico segno di civiltà, tradizione millenaria che io tuttora perpetuo.
Quindi, caro il mio sole, di che cazzo ti “impadronivi”? Di qualche centinaio di metri quadrati di erba e ghiaia, punto.
Altro che l’Ammerica, dove arrostivi un negher che cantava “Summertime” o un rednec che si ingiaccava la sorella, china a dissotterrare le patate…
A noi e al nostro “dop disnà” (dopo pranzo) nonchè ai nostri fratelli terroni con la loro “contròra”, ci facevi una vibrante e languida pippa.
Dopo le 15 intervenivano gli olmi, i primi, quelli sulla parte più alta della riva, quelli che avevano le radici all’altezza del tetto, e il cortile tornava in ombra, quell’ombra fresca e ventilata, perforata ogni tanto da un raggio fugace, non quella uniforme e soffocante da tettoia di lamiera.
Poi, man mano, tutti gli altri olmi, a digradare, fino alle sette, quando il sole veniva lasciato entrare, come si fa col cane, per regalarci il tramonto.
Continua

Dottordivago

Ne è passato di tempo, eh?
Volevo riprendere alcune “saghe” incompiute, tra cui quella del Tom Sawyer del Basso Monferrato, così sono andato a verificare a quanti “plin” fossi arrivato: eccoli.
Tom Sawyer al plin
Tom Sawyer al plin plin
Tom Sawyer al plin plin plin
Tom Sawyer ai 4 plin
Tom Sawyer ai 5 plin

Per ricordarmi cosa vi avessi già raccontato e cosa no, me li sono riletti e, così facendo, mi sono fumato il tempo che avrei dedicato al sesto “plin”.
Lettura narcisisticamente interessante e, allo stesso tempo, sconfortante.
Perchè? Perchè sento che non riuscirò più a scrivere roba del genere.
Non che mi senta come Dante dopo la Divina Commedia, per carità, non mi illudo di aver creato qualcosa dal valore universale; è solo che sono talmente digiuno dal mettermi lì e scrivere qualcosa, che mi sembra impossibile che alcuni passaggi siano usciti dalla mia testa, mi sembra dura ritrovare quel feeling.
Anche se ci spero.

Va be’, mi scuso per queste poche righe inutili ma non troppo, nel senso che così capite che ci sono ancora ma anche con quali demoni devo fare i conti.
Spaventato dal confronto con me stesso… All’anima del cagasotto!…

Dottordivago

E anche gli ipocondriaci si ammalano davvero.

Bòn, bastano già titolo e sottotitolo, eh?…
Mi fermo qui, dopo questo inizio posso solo peggiorare.
Ma no, dai, io proseguo e se notate un calo qualitativo preoccupante (probabilissimo, come faccio a mantenere un livello simile?…), fatemi un cenno, un’alzata di sopraccigli , un allungamento di labbra, roba da giocatori di briscola in coppia, ok?

Dicevo, se persino i personaggi più inattendibili a volte dicono la verità, se “anche un orologio rotto, due volte al giorno, ha ragione”, vuoi vedere che, in fondo in fondo, anche i complottisti potrebbero dirne qualcuna giusta?
Il mio è un discorso puramente aritmetico, sia chiaro: su un miliardo di cazzate, finisce che una, prima o poi, l’azzeccano, un po’ come la storia di mia zia, che se vede uno zoppicare, non è perchè ha preso una storta, non ha un callo doloroso, bensì ha un tumore in un piede. E se uno starnutisce, non è un raffreddore ma “qualcosa di brutto” al naso.
Va da sè che, quella volta che ci azzecca, sulla fronte le si forma un “l’avevo detto, io” tipo pannelli luminosi in autostrada.

Le pause che mi prendo tra un preventivo e una certificazione energetica o un progettino, hanno come sfogo naturale quel postaccio che è Facebook: due minuti, raramente cinque (giusto se pubblico una minchiata), spesso solo mezzo minuto, quando il livello è insopportabilmente basso.
Non ho ancora capito come funziona: a volte penso che, per fortuna, il mondo è migliore di come lo vedi su FB, altre volte mi prende l’angoscia e penso che se è uno spaccato di mondo reale, siamo spacciati.

Se uno segue i canali d’informazione classici non può rendersi conto della mala-informazione in corso (la disinformazione è una cosa più autorevole) e della gravità del fenomeno; però, come si dice: “La situazione è grave ma non seria”.
Perchè sta prendendo piede questa mania di vedere complotti ovunque?
Perchè la spiegazione deve sempre essere quella più improbabile?
E perchè (forse per compensazione?) la soluzione è sempre quella più semplice?
Come può una persona sostenere –prendo il caso più clamoroso- che le Torri Gemelle sono state minate e fatte crollare dai soliti Ebrei?
Significa non sapere che una demolizione controllata prevede di sventrare l’edificio in questione e tagliare all’80% le strutture portanti, fermandosi ad un passo dal crollo; l’esplosivo, poi, rappresenta la classica “ultima goccia”.
Solo che per fare tutto questo, in due edifici di cento piani, servono due squadre di una cinquantina di tecnici che lavorino sei mesi, senza avere tra i piedi una sola delle 50.000 persone che giornalmente giravano lì dentro e che, fino a un secondo prima dell’impatto del primo aereo, camminavano su pavimenti incerati, non in un edificio sventrato.
Non è più semplice mettere quattro o cinque scaramacai su un aereo appena decollato e schiantarsi con 70 tonnellate di carburante contro un bersaglio impossibile da sbagliare? Evidentemente no.

Una volta, proprio su FB,  ho pubblicato un post in cui dicevo:

Vedere complotti ovunque e credersi più intelligenti, è come ammazzarsi di pippe e credersi Rocco Siffredi.

Però, a fronte della complicatezza nell’interpretare fatti palesi, è molto semplice curare il cancro.
Come? Con bicarbonato e limone, ignoranti! Oppure con l’artemisia, che “uccide il 98% del tumore in 16 ore”.

Minchiate così, in rete, ce ne sono milioni.
Cazzarola, tra Complottismo e Islam Estremo non so chi stia riscuotendo più consensi… che poi non è neanche la forma corretta, molto meglio “chi sta infarloccando più coglioni”.

Il problema non sono gli autori delle bufale, quelli hanno le idee chiare.
Non so come funzioni il discorso “like” (mi piace) e “share” (condividi), so solo che, a certi livelli, porta soldi.
Una bufala, quando nasce, è come il rivolo di acqua che diventerà il Po, quella che Bossi andava a prendere alle falde del Monviso, pura e cristallina, che puoi tranquillamente bere e non ti fa male.
Quando la bufala arriva su FB, dopo una rapidissima progressione geometrica, è come il Po a Rosolina Mare, dopo aver raccolto gli stronzi di milioni di maiali e milioni di cristiani.

Mi stupivo per il numero di persone che seguivano Emilio Fede. Poi, pensandoci un momento, capisci che chiunque può accedere alla tv, analfabeti e vecchi rincoglioniti, e comunque c’è scritto “TG”, c’è una struttura, ci sono i collegamenti ecc. E poi, in fondo, tutti abbiamo ancora nel cuore un

l’ha detto la televisione.

Ma se uno è in grado di accendere un pc o uno smartphone, non è lecito aspettarsi che sappia accendere anche il cervello?
Possibile che si prenda per oro colato una sparata che come fonte ha “Il Matto Quotidiano” o “Il Giomale” o “Il Corriere Della Pera”?
Cristo, non parlo di adolescenti citrulli, non diversi da come eravamo noi, che avevamo come fonte “mio cuggino”. Parlo, per esempio, di un amico sessantenne, prima ragioniere, poi bancario per una vita, oggi da poco in pensione, che condivide:

LE COSE CHE I TG NON DICONO! Creato un fondo di 130 miliardi per ricollocare i politici trombati alle elezioni. È una vergogna! Condividete e fate girare!

Gli ho fatto notare che il Parlamento è rimasto bloccato mesi per trovare 2 miliardi che permettessero di togliere l’IMU dalla prima casa, oltre a dirgli che se i TG non dicono certe cose è perchè sono gigantesche minchiate.
Si è offeso.

È un mondo difficile, è un mondo che legge e ascolta senza capire, senza capacità critica, un mondo cambiato rispetto a quando ho iniziato a scrivere in questo posto, un mondo a cui devo ancora prendere le misure.
Un mondo di cui, scopro in questo momento, non mi piace neppure parlare e me ne accorgo rileggendo quanto ho scritto qui sopra, roba che sembra scritta “con la mano sinistra”.
Devo ricollocarmi, come i politici trombati, senza neppure tutti quei fondi.

Dottordivago

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 53 follower