Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2015

La Casa 2

Facciamo finta che ci siamo sentiti ieri, eh? Sennò mi tocca riattaccare col solito bocchino della mancanza di tempo ecc ecc.

Solo che da ieri a oggi -quando si dice la volubilità di quest’uomo…- ho cambiato idea e non ho più voglia di parlare di sfiga.
Sì, lo so, lo dico sempre; la sfiga –RACCONTATA- fa più ridere e attira più simpatie che non i successi, che invece attirano invidie.
Però è anche vero che ad averci troppo a che fare, con certe cose tipo la sfiga, prima o poi ti si attaccano addosso, come l’ineliminabile grasso sotto le unghie del meccanico o l’odore di smog sui vestiti e nei capelli dopo quattro passi nella ridente città di merda in cui, per fortuna, vivo sempre meno.
E qui parte la svolta: un merito della Casa.

21012

150 “unità abitative” a mezza collina, aria pulita e silenzio di tomba, infatti ho ricominciato a dormire senza tappi dopo 35 anni.
Ho persino portato a casa una macchinata di attrezzi da giardinaggio.
Che ho messo in cantina.
Poi ho chiamato il giardiniere che si occupa del verde condominiale e Bimbi ha iniziato a dirgli cosa voleva fare, così il giardino, che sembrava il Borneo, è a posto.
Chi l’ha detto che il giardino finisce per diventare una schiavitù?
C’è voluto un attimo…

E mò i problemi.
Il più grosso, per me che ho vissuto 22 anni all’ottavo piano, con Alessandria sotto i piedi, il castello di Pavone a nord-est e il Monviso ad ovest, è il senso claustrofobico del pianoterra –in minima parte- mentre il vero, grosso e nodoso dito nel culo è che la mia casa abbia il rapporto aeroilluminante di una grotta.

Pianoterra e primo piano sono divisi in due appartamenti, quindi una parete confina col vicino; sì che per lui è una casa di vacanza e non c’è mai ma ho il sospetto che se aprissi una finestra sul suo soggiorno, potrebbe anche risentirsi un attimo.
Poi due lati finestrati, a Dio piacendo.
Il quarto lato è quello dell’ingresso. Si accede da un corridoio molto luminoso ma, quando chiudi la porta, il “molto luminoso” resta fuori.
Ok, si risolve: prima di comperare la casa, prima ancora di parlare seriamente di prezzo, interpello l’amministratore e il vicino, chiedendo il permesso di realizzare una porta con sopraluce vetrato, qualcosa del genere

21013 Ovviamente era solo per ottenere il permesso di dare un tot di martellate; poi, da bravo italiano, avrei fatto un finestrone largo quanto la stanza e alto fino al soffitto, tanto l’unico che avrebbe visto l’opera sarebbe stato il famoso vicino che non c’è mai e che, quando c’è, ha una spettacolare capacità di farsi i cazzi suoi.

Gente brillante, permesso concesso in un amen.

A quel punto si incomincia a parlare seriamente di acquisto, si tira, si molla, si compra.

E si entra col muratore:
«Iulian, fammi un bel buco sopra la porta, voglio vedere se c’è un trave e dove arriva…»
Alla prima martellata si sprigiona una scintilla che sembra un treno quando il macchinista “dà la rapida”.

«Minchia! Cazzo è fatto, di ferro, ‘sto muro di merda?»
No, è solo un unico, monolitico e possente  trave di cemento armato, che comincia sopra la porta e finisce al soffitto. Intoccabile.
Oddio, si potrebbe eliminare e sostituire con una putrella, che comunque si mangerebbe metà dell’altezza, con costi sproporzionati al risultato.
Un po’ come sollevare tre metri da terra la piramide di Cheope per creare una zona d’ombra al di sotto: sì che in quel posto ce ne sarebbe bisogno, però…

E quindi?
Quindi un bel ribassamento perimetrale con una fila di neon che non si vedono, costano e consumano poco e illuminano a luce radente il soffitto.
Praticamente

il sole nella tua casa

come direbbe una pubblicità di merda.
Ho detto “luce radente”?
L’ho detto.
Alla prima accensione, a lavori quasi finiti, cucina nuova montata ecc ecc, quel tipo di luce rivela che il soffitto è una specie di superficie lunare, cosa invisibile con le lampadine da cantiere che pendevano.

«Iulian, porcod… porcam…fammi il piacere: copri tutto e rasami ‘sto cazzo di soffitto, prima che faccia finta di dimenticarmi il gas aperto, almeno domani troviamo un cratere e rifaccio tutto come cazzo dico io…»
Continua

Dottordivago

Annunci

Read Full Post »