Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘condizionatore’

Tornando ai massacratori della quarta settimana (vedi post precedente), penserete mica di aver esaurito la lista degli agenti patogeni di cui parlavamo, eh?
No perchè, il Dottordivago sarà un pirla, ma non è mica qua a far ballare la scimmia. E si rompe la testa anche per voi…

image image

Tanto per farci la bocca, cominciamo con due “virus opportunisti”, che in biologia sono quegli infami che, quando hai già un pallino in un’ala (*) per conto tuo, se ne approfittano e ti saltano addosso, complicandoti ulteriormente la vita.
(* dal gergo venatorio, significa stare poco bene, come un fagiano che ha preso una fucilata di striscio; per la precisione, io non sparo agli animali, era mio nonno che lo diceva sempre…)
Un navigatore o un ipod, da soli, che male possono fare?
Assolutamente niente, ad un organismo, pardon, ad un bilancio sano, ma nel contesto di cui parlavamo nella prima parte, cioè il bilancio cagionevole di uno che guadagna 1000 euro al mese e che in un anno devolve tra cellulare, cambio tv ed abbonamento SKY circa due stipendi, ecco, lì fanno dei danni: due aggeggini così e un terzo di stipendio s’è involato, e non sai neppure come.
Ora qualcuno mi domanderà quante persone conosco con quel reddito e la Sindrome da Shopping Compulsivo: parecchie.
L’altra sera una era a cena da me e, se non ne conoscete, fate un giro da Media World e date un’occhiata al bancone dei finanziamenti: difficilmente vedrete managers, direttori di banca, notai o dentisti: vedrete un sacco di gente che “non ce la fa più”. Ah, dimenticavo: da Media World non ci vuole la ricetta e, per quanto insistiate, non vendono farmaci salvavita.
E’ chiaro il concetto?

E quando uno “non ce la fa più”, cosa fa?
Stacca la spina.
image

Attenzione: questo è uno dei più pericolosi e virulenti; non per niente il settore turismo – non quello che gli altri vengono a farsi pelare in Italia, quello che andiamo noi all’estero- è uno dei pochi che, in questi tempi di pianto e stridor di denti, tira che è un piacere.
Sarà che il credito al consumo è arrivato (da mò) anche qui, ma al viaggio lungo ci rinunciano in pochi.
Qui spezzerei una lancia in favore degli sperperatori a lungo raggio: anche se andare in vacanza col finanziamento è additato da molti come la peggior forma di sperpero, trovo più nobile indebitarsi per conoscere un pezzo di mondo che per cambiare il divano solo perchè “80 euro al mese non te ne accorgi”. 
Personalmente, la voce “viaggi” ha un posto d’onore nei miei passivi di bilancio, ma in mia difesa dirò che spendo dinero già in cassa, cioè mio, e che nessuno ha mai sentito un lamento da parte mia relativamente all’argomento fine mese.
Andiamo avanti.
E rendiamoci conto da cosa, alcuni di noi, si fanno rovinare i fine mese.
Ancora poco tempo fa, se dovevi cambiare la macchina, o cacciavi i soldi o facevi un debito, e portavi a casa l’auto nuova.
Oggi, o cacci i soldi o fai un debito, e porti a casa un altro debito: il SUV.  
image

Sì, avete ragione, sono di parte e stavolta ho esagerato, confesso di aver messo la foto del SUV più brutto che ho trovato (vai con la voce del Rag. Ugo Fantozzi) : la SsangYong Rodius.
Roba che l’Arna e la Duna possono esporle al Moma, se non addirittura al Louvre.
Chiedo scusa, ma volevo esasperare il concetto; però resta il fatto che vorrei sapere in base a quale ragionamento uno che vive in città e appena può infila l’autostrada compera, non dico una porcheria come la Rodius, ma un qualunque SUV, cioè un’auto mezzo metro più lunga, larga, alta e pesante, che costa e consuma il 20% in più fornendo prestazioni inferiori di un’auto più corta, più leggera ecc. ecc.
Così come comprano cellulari con tante funzioni che neppure ne  conoscono un quarto, con la stessa mentalità comprano auto 4×4, quando due ruote motrici bastano ed avanzano, se uno non abita a Cervinia.
Affermazione valida se si esclude la mia macchina: sulla neve è una saponetta nel lavabo, ma se nevica c’è la Clio di Bimbi, con cui, con le invernali, si va dove tanti marcioni di 25 quintali si piantano…

Bon, vogliamo vedere un ultimo -ma non ultimo- esemplare di massacratore della quarta settimana?

image

‘Tel chì l’esemplare: l’elettrodomestico -volendo considerarlo tale- che negli ultimi cinque anni ha decuplicato le vendite.
Ce ne sono di tutti i prezzi, ma i più economici consumano come la Nimitz, se andasse ad energia elettrica, e se Media World te lo vende col finanziamento, l’Enel non rateizza le bollette.
Lo so, d’estate è una figata, ed alla qualità della vita non si deve rinunciare.
Ed è proprio da quest’ultima affermazione che partiremo nel prossimo sproloquio.

Dottordivago.

Read Full Post »