Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 11 febbraio 2012

Parentesi

‘Sta saga di “Vuoi ridere?…”, in cui parlo di cose che non mi fanno ridere, stento un po’ a mandarla avanti, anche per un fatto di tempo, così apro una breve parentesi.

Come ho già detto molte volte, non sono un fanatico di Feisbuk.
Lo considero come la candeggina: se ci pulisci il cesso è l’ideale ma se la usi spesso, se ci stai troppo a contatto, ti ci intossichi.
Ha i suoi pregi, niente da dire ma secondo me non durerà più molto: farà la fine delle giganti rosse, quelle stelle che crescono crescono crescono e poi si sgonfiano per diventare dei puntini opachi persi nell’universo.
FB morirà del suo stesso gigantismo.
Ormai tutte le aziende sono su FB, ogni marchio è su FB, chiunque ti invita a cliccare “mi piace” sulla sua pagina.
FB crescerà a dismisura, diventerà una rete nella rete ed a quel punto sarà talmente dispersivo che qualcuno creerà qualcosa di più raccolto, di “esclusivo”, per ricreare, praticamente, quello che è stato FB agli inizi.

Insomma, si sgonfierà o, come tira molto dire oggi, “imploderà”.
Oppure, visto il trend, verrà mangiato dall’interno, come la storia dell’adactylidium, ‘sta bestia di merda qua:
acaro

‘Sto zozzone, come le disgrazie, non arriva mai da solo: viene concepito e si sviluppa all’interno della madre insieme a sei/sette sorelle.
Mischino, viene da pensare, unico maschietto in mezzo a sei o sette cretinette che lo costringeranno a giocare con le bambole e i mini servizi da te… Va a finire che ‘sto povero disgraziato mi viene su frocio.
Assolutamente no: per non sbagliarsi -e forse per vincere il Campionato del Mondo di Incesto Acrobatico No Limit- usando come alcova il ventre della madre, si tromba e ingravida tutte le sue sorelle.
No, dico, eh?… Chi per primo ha detto “Non c’è più religione”, probabilmente pensava a ‘sta bestia qua.
Andiamo avanti, che non è finita.

Nel dopo sesso, già quando ne fai un paio, un certo languorino ti viene; immagina se te ne fai sei o sette, a scopo procreazione, quindi magari ti concedi la doppietta…
Eh sì, una dozzina di ciulate mettono appetito.
E un pezzo di merda così, nel ventre della mamma, in compagnia delle sorelle, cosa si mangia? Le sorelle?
Eh la Madonna!… Sarà un bastardo ma arrivare a quel punto… D’altronde con loro ha un bel rapporto… Infatti, aiutato dalle sorelle, visto e considerato che non esiste un’uscita preposta, si mangiano la mamma.
Ci mettono un paio di giorni, in cui la madre maledice il momento in cui è nata nonchè quello stronzo dello zio dei piccoli che l’ha ingravidata.

Oh là… una bella boccata d’aria dopo due giorni che mangi… è un po’ come la passeggiatina il pomeriggio di Natale, allo scopo di fare il posto per la cena.
Infatti la passeggiata ha uno scopo: trovare un uovo di Tisanottero, l’unico loro alimento, a parte mammà.
Va beh che non sarà il mio mestiere ma se io mi mettessi a cercare un uovo di Tisanottero, potrei tranquillamente morire di fame: troppo piccolo, non lo vedrei e, se anche fosse, ce ne vorrebbero miliardi.
Per loro, invece, è gigantesco, infatti poco dopo ne trovano uno e ci si attaccano, come farebbe Homer Simpson se trovasse una ciambella grande come il Colosseo.

Per la precisione ci si attaccano le femmine: sarà che il fratello le ha riempite come un agnolotto e di conseguenza “devono mangiare per due”, sarà che quando uno si è scopato mezza dozzina di sorelle all’interno della madre che poi si è mangiato, a livello di emozioni forti ha più poco da scoprire, fatto sta che il nostro gallo del pollaio si lascia morire di fame.

Le sorelle, invece, mangiano come delle iene, fino a quando iniziano a non sentirsi molto bene. Principio di indigestione?
No: il fatto è che, al loro interno, le sei o sette figlie da poco concepite, insieme all’unico figlio maschio della nidiata, dopo una botta di sesso mica da ridere, hanno iniziato a mangiare…

Ora, da questa storiella voi potete ricavare la morale che volete, io mi limito ad archiviarla nel file Il Padreterno aveva voglia di ridere, insieme alle altre bestie di merda di Viserbella dreamin’.
Resta il fatto che rende abbastanza bene l’idea di quello che, secondo me, succederà a Feisbuk.

2aSoprattutto se iniziano con cose del genere.
L’ho già detto altre volte: su FB non cercatemi, non coinvolgetemi, non tiratemi in mezzo a proposito di niente.
Nè giochini, nè applicazioni, nè guerre o fattorie: non vi cago.
Infatti, come potete vedere a lato, avevo 12 richieste per qualcosa, come al solito; e come al solito, appena mi ricordo, ignoro e cancello tutto.

Ma il messaggio col cuoricino non l’avevo mai visto.

Okay, è in mezzo alle pubblicità, quindi non mi sognavo di certo che fosse una cosa seria, tipo che da qualche parte nel mondo qualche gnocca da sturbo sbroccasse d’amore per me.
Però la curiosità di vedere “che cazzo si sono inventati stavolta”, quella effettivamente mi ha preso.
Ma sì, clicco, mal che vada ci sarà la foto della Irina o Veruska di turno che me la vuole dare senza se e senza ma, specificando che “no per soldi, mio è vero amore”.

E compare questo:
1a

Mi è venuta una pelle d’oca tipo suola delle Tod’s.

Dottordivago

ilpandadevemorire2

Annunci

Read Full Post »