Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 14 aprile 2010

 

scimmie-di-mare

Per tutta la durata di quell’importante ed intelligente evento che è l’Ostensione della Sindone, questo blog vuole offrire ai suoi visitatori qualcosa di altrettanto serio, ostensando ostiando proponendo di volta in volta oggetti di culto laici, sacri o pagani, purchè si tratti di pacchi clamorosi che rendono un mucchio di soldi solo a chi li vende, giusto per rimanere nel campo della Sindone.

 

 

 

 

 

 

Passiamo all’argomento di oggi.

Avevo certezze.
Avevo certezze e votavo per Berlusconi, poi ho visto la luce, una luce talmente forte che adesso non ci vedo più tanto bene.
Ho smesso di votare per “il male assoluto della politica italiana” (grazie per la definizione, signor Montanelli) e così facendo, almeno secondo lui, ho preso la residenza a Berlino Est.
Inoltre, non so se l’avete notato, sono leggerissimamente anticlericale, cosa che d’ufficio mi taglia fuori dal virtuoso e baciapile elettorato dell’UDC.

Ed ora mi vanno a puttane anche altre certezze.
Sono sempre stato, e lo sono ancora, a favore delle guerre in Afghanistan ed in Iraq.
I comunisti le hanno sempre definite “guerre per il petrolio”; a parte il fatto che in Afghanistan non c’è il petrolio per caricare uno Zippo, si tratta di due guerre “sante” e stra-giustificate: tirare giù due regimi come quello talebano e quello di Saddam è una cosa che la comunità internazionale avrebbe dovuto fare prima.
Se poi vogliamo per forza definirle in qualche modo e trovare loro una motivazione ulteriore, diciamo che si tratta di “guerre per la guerra”, visto che un conflitto è un terno al lotto per banche e industrie.

Petrolio? Ma fammi il piacere: non ci sono mai state guerre più politiche di queste, non c’è mai stato un così lampante esempio di strategia politica dalla crisi dei missili di Cuba.
Il maggior pericolo per il mondo sono gli “Stati Uniti dell’Islam”, con capitale a Teheran; occupare quei due paesi è stato l’unico modo per impedire che Afghanistan, Iraq –quanto sarebbe campato ancora Saddam?- ed Iran diventassero l’unica superpotenza capace di unire l’Islam dal Marocco all’Indonesia.
Questa cosa non me l’ha spiegata nessuno, mi è sufficiente un mappamondo e conoscere il significato della frase “Divide et impera”.

Dire al mondo islamico più integralista “state schiacciati sennò sono cazzi” mi sembra un’ottima cosa.

Poi ci sono i morti innocenti.
Ci sono stati e continuano ad esserci ed anche definirli “danni collaterali” non li resuscita e non fa ricrescere gambe, braccia, occhi e tutto il resto.
Da amante della real politik continuo a sostenere che, se si fanno i conti della serva, in questi anni Saddam Hussein e Mullah Omar ne avrebbero fatti molti, molti di più, oltre al fatto che questi popoli, sotto il tallone di quelle tirannie, non avrebbero avuto nessuna speranza per il futuro; non è un pensiero digeribilissimo nè per me nè per voi, figuriamoci per quelli che piangono, a cui non interessa che noi europei abbiamo passato di peggio per liberarci del nazi-fascismo.
A me sembra un ragionamento che fila, anche se non so quanti ne troverò d’accordo con me.

Però, il timore di diventare comunista mi si insinua quando sento storie come quella recente dell’arresto del personale di Emergency, storia che mi fa ballare un occhio: che mi raccontino quello che vogliono ma non riusciranno mai a farmi credere che quegli uomini stavano meditando o appoggiando un attentato ad una specie di governatorucolo di una qualunque Repubblica dei Papaveri da Oppio (lì non crescono, le banane).

Gino Strada non mi è mai stato simpaticissimo, troppo schierato, troppo sicuro che l’Occidente ha sempre torto; ma, proprio per confermare di essere una contraddizione vivente, vi dirò che da anni gli giro il mio 5 per mille, che è l’unico modo che ho per aiutarlo, visto che l’idea di andare là a dargli una mano non mi sfiora neanche un neurone.
Sono una testa di cazzo sì o no? Sì, quindi che ci vadano i buoni, a fare del bene. 
Comunque, ragionando come facevo ancora poco tempo fa, questa forma di aiuto farebbe di me un mezzo comunista.

Ma solo mezzo: dopo il primo momento in cui ho sposato integralmente il pensiero di Ginetto, posizione che una volta tanto accomuna tutto il popolo di sinistra, la piccola parte “di destra” che è ancora nel mio cervello mi ha spinto ad alcune riflessioni.
Ginetto, manco a dirlo, dietro all’arresto dei collaboratori vede una manovra del più bieco imperialismo amerikano che vuole togliere di mezzo “testimoni scomodi”; forse l’ipotesi non è sbagliatissima ma io la vedo in modo più disincantato di quell’idealista a tutto tondo che è Gino Strada.

Per fare la frittata bisogna rompere le uova

La “Forza Internazionale di Pace” (che si pronuncia “gli americani”) lo sa ed è seriamente intenzionata a far fuori il maggior numero di terroristi possibile e, ne sono certo, avere una cassa di risonanza mondiale ad ogni morto innocente non gli fa comodo.
Sembra che io stia parlando di birilli che cadono e non di uomini che muoiono, resta il fatto che, interessi politici o meno, l’alternativa –quella di vedere tornare il Mullah Omar e compagni di merende- mi sembra peggiore, in primis per gli afghani: noi possiamo sempre tornare a casa con le pive nel sacco, loro ricomincerebbero con le esecuzioni di adulteri e di omosessuali allo stadio, nell’intervallo tra il primo ed il secondo tempo.
D’accordo, anche noi abbiamo la coscienza sporca: c’è stato un periodo in cui, al “Delle Alpi” di Torino, nell’intervallo presentavano la Multipla.
Chi è senza peccato scagli la prima pietra.

Rimanendo sullo sfratto esecutivo nei confronti di Emergency, la parte del mio cervello che continua a ragionare “di destra” mi suggerisce un paio di spiegazioni diverse: e se ‘sta cosa fosse pilotata dai cattivi?

Voglio dire, hanno più convenienza gli americani a mostrare al popolo che ‘sto cazzo di Occidente sa fare anche qualcosa di buono, e quindi mantenere la presenza di strutture ospedaliere internazionali, o hanno più interesse i terroristi ad eliminare quel poco di buono che può trarre la popolazione dalla presenza delle “truppe di occupazione”?
Ok, l’arresto è stato eseguito dalla polizia afghana, appoggiata da quelli come noi, ma se ‘sti cazzi di terroristi possono contare su centinaia di suicidi disposti a caricarsi di esplosivi e a trasformarsi in marmellata di cretino, dove sta la difficoltà nel mandare qualcuno a nascondere quattro bombe a mano nell’ospedale di Ginetto e poi avvisare “le forze del bene”?

Poi ce ne sarebbe anche un’altra: l’Afghanistan è definito dai rappresentanti della comunità internazionale presenti in loco come il paese “con il più alto tasso di corruzione al mondo”.
Chi ci dice che il satrapo di turno, il fantomatico Governatore di Helmand, non preferisca gestire personalmente gli aiuti alla popolazione? E magari vendere cure e medicinali che Ginetto passa a gratis, meglio della mutua?
Chi ci dice che gli integerrimi, e non lo dico ironicamente, uomini di Emergency non rappresentino un vero dito nel culo per chi si ingrassa con tutti i soldi che dovrebbero finire ai poveracci?

È chiaro che gli uomini di Emergency, nella storia dell’attentato, non c’entrino niente; resta da capire chi ci può essere dietro.
Su questo punto mi dissocio da Gino Strada, quindi ho ancora qualche speranza di non diventare comunista del tutto.

Nonostante Lui sia di destra: 
MinistroFrattini

Il ministro Frattini, l’Ambra Angiolini della politica italiana, l’uomo che ha sempre un’auricolare, infilato non si sa dove, in cui qualcuno gli dice: “Stai dritto, fai la faccia intelligente!”, ha rilasciato la prima dichiarazione, a caldo:

Se le accuse fossero vere, si tratterebbe di una vergogna per l’Italia

Cretino, sarebbe una vergogna per Emergency, tuttalpiù.
Seconda dichiarazione:

Se le accuse, a cui stentiamo a credere, fossero vere, si tratterebbe di una vergogna per l’Italia

Sta male dare del cretino due volte ad un ministro?
Non per altro: un Ministro degli Esteri, trattandosi di un’organizzazione come Emergency, non dovrebbe credere ad un’accusa del genere neanche se gli mostrassero la foto di Gino Strada combinato come Patricia Hearst,
 hearst  quella ricchissima e cretinissima zoccola che al secondo giorno in mano ai rapitori la pensava già come loro.

Forse il ministro ammira segretamente Fabrizio Corona e si “vergogna di essere italiano”?
Faccia quel che vuole: è anche grazie a gente come lui se io convivo con la paura di diventare comunista.

Dottordivago

Annunci

Read Full Post »

Nota dell’autore:
in questa categoria esprimo brevi pensieri in libertà, una specie di limitato firmamento di poche stelle opache.
Più realisticamente, trattandosi di pensieri miei, li considero pensieri/pennellata, come virgole di merda sulle piastrelle dei cessi della stazione.

Il cardinale Bertone ha dichiarato che omosessualità e pedofilia sono strettamente collegate.
Ah, pure froci, ‘sti zozzoni di preti…

Dottordivago

Read Full Post »