Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 2 aprile 2010

A chi giova dire cazzate?

Alcune categorie le abbiamo già viste: 
– meteorologi: portano a casa lo stipendio;
– futurologi: idem; in più, se dicono cazzate, li becchi dopo 50 anni;
– cacciatori del bosone di Higgs: idem;
– ricercatori della fusione fredda, ma anche quelli caldi non scherzano: idem;
– politici: basta la parola;
– teologi: idem;
– maghi: idem;
– produttori di vino: pur di venderlo, si sono inventati treni di cazzate, primo tra tutti il “gusto vinoso”, cosa straordinaria se si parlasse di vellutata di broccoli, un po’ meno se si parla di vino.
Una volta ci guadagnava anche il sottoscritto, quando le vendevo, le cazzate.

Poi ci sono i giornalisti: posso capire leccamenti di culo o balle scritte con uno scopo preciso, capisco meno le stronzate fine a sè stesse.
A chi giova –e perchè- dire in tutti i TG che molti Italiani, per le festività pasquali, non andranno via a causa dell’aumento del prezzo dei carburanti?

Prendiamo la famiglia Brambilla di Milano, papà, mamma e due bambini, che hanno prenotato un week end lungo in un alberghetto di Rimini, il più economico; 
tre notti in camera da tre, con lettino aggiunto, pensione completa: 500 €.
Bibite e gelati per i bimbi, Gazzetta per papà, Donna Moderna per mammà, altre decadenti mollezze per tutti: 100 €.
Benzina ed autostrada: 100 €.
Ok, ci stiamo dentro: venerdì si parte…

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!

Aumento carburanti: extra di 5 euro

Il padre raduna la famiglia, la scenografia è quella di un film neorealista: “Amore… non ce la facciamo… non guardarmi così, mi sento un fallito. Bambini… siamo costretti a vendervi ad una casa farmaceutica che necessita di cavie umane”.

Roma.
Coppia senza figli che ha prenotato una settimana a Hurgada: 1.200 €
Sono già a Fiumicino: ”Ok… maschera da sub… infradito… creme solari…vai col check in…”

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!

Adeguamento carburante: extra di 18 euro

Lui guarda lei: “Amore… non ce la facciamo… non guardarmi così, mi sento un fallito. Andrò a fare la controfigura di Gesù alla Passione di Sordevolo: mi caricheranno di mazzate e mi crocifiggeranno, lo so, però non ho altra scelta. Tu… tu potresti stare qui a Fiumicino, due giorni in cucina alla ”Tana del pescatore” a raschiare cozze e lavare pentole…”

Esagerato?
No. Questa gente, io, la capisco: sono proprio i granelli di sabbia, quelli che bloccano gli ingranaggi più sofisticati.
Una volta –Bimbi faceva la settimana bianca- sento suonare alla porta, apro e vedo Manuela Arcuri:

arcuri-11novembre

Mi supplica: “Ti prego, per questa settimana… voglio essere la tua schiava, cucinerò, laverò, stirerò, potrai sbattermelo dove vuoi, come vuoi e quanto vuoi… ti prego!”
Le avevo già detto  “Ok, si può fare” ma poi ho rinunciato.

Gente… il viso… bello, eh, ma avete visto che brutta pelle?

Dottordivago

P.S. Presa da lontano, Manuela sta benissimo.

Ma anch’io faccio un figurone…

Read Full Post »